Ricerca alloggi
 
 

Condividi il contenuto

Historische Zäune/Zaunweg

Recinzioni sono un importante elemento del nostro paesaggio culturale, sono una parte della nostra identità. Appartengono alle più antiche testimonianze della cultura contadina ed esprimono rapporti giuridici e situazioni patrimoniali e sistemi economici. Recinzioni caratterizzano l’aspetto del nostro paese. Formano un tipo di struttura nel nostro paesaggio culturale e, per questo motivo, offrono sostegno all’osservatore, - sono tradizione cresciuta e vissuta per secoli, - sono l’opera delle nostre mani – arte artigianale. Recinzioni delimitano e circoscrivono, conservano e proteggono. Da sempre servivano per circoscrivere la propria proprietà, per proteggere il gregge,
per salvaguardare i campi e i pascoli. Alcune leggi sui recinti sin dal medioevo regolavano altezza e tipo di costruzione, uso e dovere al mantenimento, transito e servitù di passaggio. Questi diritti e doveri in parte sono fissati sino ad oggi nel libro fondiario. Perché sono state abbandonate le vecchie forme dei recinti? Perché sono scomparse dal nostro paesaggio? Vi sono diverse ragioni. Una d‘esse è l’intenso dispendio di materiale e tempo. Oggi si risparmia tempo soprattutto comprando materiali, come ad esempio chiodi e assi, un fatto assolutamente inimmaginabile ancora 100 anni fa, perché praticamente non vi erano soldi a disposizione. Non per ultimo, anche la forte diminuzione della manodopera nelle fattorie ne è motivo. La costruzione di forme storiche di recinti ha lo scopo di rivitalizzare quest’antica tradizione, di conservare le nozioni artigianali, di sottolineare il carattere rurale del nostro villaggio e di promuovere i recinti come elementi formativi del paesaggio. Recinti possono però anche far venire in mente frontiere. Come ci comportiamo? Di tanto in tanto, guardiamo anche oltre il recinto? Come maneggiamo i nostri limiti personali? Quale significato possono avere per noi limiti fisici, mentali o morali? Li adoperiamo per creare patria, comodità e comunità oppure ne abusiamo per segregare e ostacolare? I recinti storici costruiti a Mösern non devono essere meri pezzi d’esposizione. Sono effettivamente usati dai proprietari terrieri e sono costruiti in un lavoro comunitario. Il proprietario terriero mette a disposizione il legno, la costruzione dei recinti è finanziata con un progetto per un periodo pluriennale dell’associazione turistica della regione olimpica di Seefeld. Una parte dei costi è sostenuta dall’associazione per la tutela e cura
della patria nel Tirolo settentrionale ed orientale («Verein für Heimatschutz und Heimatpflege in Nord- und Osttirol»).

ORS Card

L’Olympiaregion Seefeld Card vi verrà consegnata all’arrivo presso la vostra struttura ricettiva. Questa tessera, su presentazione e/o ricarica di servizi prepagati, vi permette di usufruire di una serie di riduzioni e offerte speciali.

Download
La nostra newsletter